GLI STRUMENTI DA LAVORO

Ecco qualche chiarimento sugli strumenti da lavoro per realizzare fumetti.

Foglio di carta :

nei fumetti è sulla carta che lavoriamo. A seconda delle esigenze possiamo usare il formato che più ci aggrada. Una tavola di fumetto viene in genere disegnata sul formato A3 (42x29,7 cm) o A4 (29,7x21 cm).

Lo spessore della carta può passare dal classico F1 dei fogli da stampa al massimo spessore di F4.

L’F4 è consigliato quando vi è la necessità di inchiostrare molto, per evitare di bucare il foglio. Sull’F4 però i colori a matita e a cera non danno gli stessi risultati del foglio F1.

 

STRUMENTI DA DISEGNO

Matita:

La matita è uno degli strumenti principali di un disegnatore.

Nel fumetto viene in genere usata nella fase degli schizzi, precedente all’inchiostrazione.

 

Spesso ci si chiede quale matita usare in base alle diverse esigenze. La scelta va dalla 9H (la più dura) alla 9B (la più morbida). Quelle che fanno da media sono la F e la HB.

Non useremo mai matite troppo dure o troppo morbide nel fumetto. 

 

E’ consigliabile usare 2 matite con gradazioni diverse: quella più dura ci servirà per il primo schizzo, in cui andremo a individuare lo spazio in cui collocare il disegno, la sua forma generale e il primo schizzo veloce. La matita più morbida la useremo invece per i tratti definitivi che devono apparire più chiari.

La scelta della gradazione dipende dalla pressione esercitata con la mano dal disegnatore. E’ quindi un fattore soggettivo e ognuno deve scegliere quelle matite con cui lavora meglio. Ad esempio per la matita dura si può scegliere da una 3H a una HB, mentre per quella morbida si può scegliere da una HB e una 4B.

 

 

Portamine (matitatoio):

Il matitatoio può sostituire la matita. Il suo vantaggio è che permettere di scegliere lo spessore delle mine per una maggior precisione nei tratti. 

 

Il minimo spessore della mina è di 0.3 mm. Oltre alla larghezza vale lo stesso discorso della matita che riguarda la gradazione della grafite. 

 

Colore a matita:

in fase di schizzi, per la necessità di rendere più evidenti alcune zone può essere utile schizzare con un colore a matita.

In genere per fare questo viene utilizzato il blu.

 

STRUMENTI DI INCHIOSTRAZIONE

Boccetta di china:

L’inchiostro più indicato per i fumetti è quello di china, che può essere acquistato all’interno di una boccetta. Può essere di colore bianco o nero.

 

L’utilizzo sul foglio può essere eseguito tramite pennello o pennino. Il pennino ha una forma simile a una penna stilografica e può avere spessori diversi.

 

 


Penna a china:

in alternativa alla boccetta di china si può usare una penna a inchiostro di china, che rende più pratica e facile l’inchiostrazione.

Queste penne hanno diverso spessore, di cui il più sottile è lo 0.1 mm.

Il diverso spessore della penna può sostituire la gradazione della matita per tracciare linee più evidenti e linee meno evidenti.

Per ampie zone inchiostrate si possono usare penne con la punta a pennello M o F.

 

STRUMENTI DI COLORAZIONE

La colorazione manuale può essere fatta con i colori a matita, i colori a spirito o i colori a cera.

Quelli che però danno più praticità e possibilità di sfumare sono quelli a matita (che sono quindi i più consigliati).

 

STRUMENTI DI LIMATURA

Le matite hanno bisogno di essere limate per essere appuntite e dare risultati ottimali e precisi.

Per farlo si possono usare temperini, taglierini o carte abrasive.

 


STRUMENTI TECNICI

Il disegno tecnico utilizza strumenti che permettono di tracciare linee precise e prendere le misure per ottenere proporzioni perfette. Questi strumenti sono: righe, squadre, curvilinei, goniometri, cerchiometri e ellissometri.


L’area di lavoro può essere resa più adeguata all’utilizzo di strumenti tecnici grazie a parallelinei e tecnigrafi.

 


STRUMENTI DI CANCELLATURA

Per correggere gli errori o pulire le tavole dalla grafite può essere usata una gomma morbida semplice, una gomma pane (utile per schiarire), o una gomma matita per avere maggior precisione.

 


Gli errori della china invece possono essere cancellati solo sulla carta lucida tramite una gomma gialla specifica. 

 

STRUMENTI DI COPIATURA

Spesso nasce la necessità di ricopiare i nostri lavori, specialmente se stiamo realizzando tavole di fumetto e ci troviamo nella fase di clean up. In quel caso lo strumento che i professionisti utilizzano è il piano luminoso, o lightbox.

 

In altri casi possono essere usate carta lucida o carta carbone.

 


Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    stefano (venerdì, 13 novembre 2015 22:37)

    buonasera, allora guida MOLTO UTILE! solo due cose: .1 potete fare una lezione sulle ruche facciali e le varie espressioni? .2 a cosa servono gli strumenti geometrici non ho capito bene, del tipo i curvilinei come possono essere usati

  • #2

    Impariamoascriverefumetti (venerdì, 13 novembre 2015 23:09)

    Ciao stefano. Devi avere un po di pazienza perché questo sito si sta trasferendo in un altro, in cui si spera che al più presto ci saranno tutti i tutorial presenti in questo sito più molti e molti altri migliorati sul disegno. Quello sulle espressioni del volto ovviamente è d'obbligo; prima o poi troverai anche quello.
    Il link del nuovo sito lo vedrai quando sarà ufficialmente scritto sulla Home che il sito "si sta trasferendo", quindi ogni tanto tieni d'occhio la Home e la sezione forum.
    Per quanto riguarda i curvilinei, probabilmente sono la persona meno adatta per parlartene dato che personalmente non li uso, e li trovo molto difficili da usare, ma servono come "aiuto" per tracciare le linee curve che non potresti fare col compasso perché non sono archi di cerchio ma al contrario hanno forme più varie. I curvilinei cercano appunto di risolvere il problema per chi ha paura di sbagliare facendo le linee a mano libera