COMPLETIAMO CON ALTRI ELEMENTI

A questo punto potremmo dire di avere una storia e alcuni personaggi: per quanto riguarda la storia scriveremo soggetto e scaletta, mentre per ogni personaggio faremo delle schede con le caratteristiche individuali (psichiche e fisiche) dette prima.

Questo potrebbe essere tutto, oppure no. Abbiamo già quello che ci serve per fare un fumetto, ma ci sono anche altri elementi oltre i personaggi che possono essere studiati e descritti.

Questi possono essere: ambienti, oggetti, animali e vegetali.

 

AMBIENTI E SCENARI

Un fumetto può ovviamente presentare dei luoghi tipici che col tempo saranno immediatamente riconoscibili. Potrebbero essere una stanza, una villa, un centro città ecc.

Quindi possiamo domandarci: dove si svolge la vicenda? Cos’ha di particolare questo posto?

Se parliamo di un’intera città potremo fare una introduzione sulla sua storia. E poiché ogni luogo possiede la sua storia è da non dimenticare che in una stessa città sono presenti sia vecchie che nuove costruzioni.

Poi potremmo dire se la nostra è una città moderna, futuristica o antica. Anche i più piccoli elementi possono essere caratterizzanti: edicole, palazzi, lampioni, panchine ecc.

Una città può presentare molti alberi e spazi con vegetazione, oppure essere ridotta ad un ambiente artificiale e meccanico.

Se piuttosto che una città stiamo descrivendo una via o una piazza, dovremmo analizzare i suoi elementi tipici che la rendono unica, come un particolare negozio, una statua o una fontana.

Tra gli scenari da usare per una storia, come abbiamo detto potremmo avere un ambiente urbano, ma anche un paesaggio naturale come una montagna, una giungla, un deserto ecc. Oltre agli spazi aperti però, la nostra storia può svolgersi anche al chiuso, ad esempio in un palazzo, in una semplice stanza, in una scuola o in un museo. Ognuno di questi posti può avere la sua storia e le sue caratteristiche inconfondibili. Se ad esempio studiamo la stanza del protagonista, questa sarà ordinata secondo la sua personalità.

Studiare degli scenari efficaci e particolari può anche dare vita a nuove idee per la storia, perché anche un luogo può nascondere dei misteri da svelare.

 

OGGETTI E SIMILI

Gli elementi importanti di un fumetto sono solo i personaggi? Non sempre.

Alle volte si dà importanza anche a cose inanimate.

Nella fase di studio di uno scenario, ci si può anche imbattere nello studio di oggettistica utile a caratterizzarlo.

Ad esempio: stiamo dando origine ad una città immaginaria futuristica, dove vi sono sicuramente dei mezzi di strasporto. Autoveicoli, motoveicoli, tram, aerei, imbarcazioni, sono tutti elementi che fanno parte dell’oggettistica, e ognuno di questi elementi può avere le sue particolarità che lo rendono unico e riconoscibile, anche se diverso dalla realtà.

Dagli oggetti comuni passeremo poi per oggetti che sono direttamente collegati ai personaggi. Ad esempio un personaggio può essere sempre munito di qualcosa di specifico. Non si parla di abbigliamento, ma piuttosto di compagni inanimati. Per chiarire il concetto possiamo pensare ad una spada: una spada può avere un nome ed una sua storia. Allo stesso modo potremo fare lo stesso discorso di un amuleto o un portafortuna.

Gli oggetti del personaggio saranno studiati singolarmente e analizzati. Potranno avere delle caratteristiche che li rendono realmente speciali, oppure potrebbero non avere nulla di ciò, ma essere qualcosa di importante per il personaggio che ha un ricordo collegato a loro.

 

GLI ANIMALI

Anche l’uomo è un animale. Tuttavia stiamo analizzando questo elemento secondo un altro concetto.

Non stiamo parlando del cane del protagonista, poiché si tratterebbe di un personaggio come altri da aggiungere alla bibbia dei personaggi. Stiamo parlando degli animali del mondo che stiamo inventando, e poiché noi siamo gli dei del nostro universo immaginario, anche gli esseri viventi possono avere le loro forme del tutto diverse da quelle che conosciamo.

Nell’inventare delle creature potremo unire due specie esistenti del tutto lontane tra loro come parentela, oppure utilizzare quelle creature fantastiche facenti parti delle mitologie e dei folklore, come draghi, kraken, cerberi, fenici, unicorni ecc.

Durante la scrittura possiamo descrivere le loro caratteristiche.

 

LA NATURA

Come per gli animali, lo stesso discorso può essere fatto per piante, alberi, funghi e tutto ciò che fa parte della natura viva.

Quando facciamo un fumetto possiamo documentarci sulle specie esistenti e riprodurre quelle, oppure inventarne di nuove.

Non cominciamo a disegnare piante ed alberi senza prima averli studiati e senza conoscerli.

In fin dei conti anche un albero molto antico può presentare un elemento che viene spesso mostrato nella storia poichè potrebbe raccontare qualcosa.